In Digital Marketing, Gestione aziendale

Breve guida all’automatizzazione dei processi di Cloud Computing

Negli ultimi anni, il Cloud Computing è andato affermandosi nelle aziende come nuovo ed essenziale modello di fruizione delle tecnologie ICT.

La “Nuvola”, infatti, permette di accedere ai servizi, aggiornati e tecnologicamente avanzati, di un provider attraverso la rete, pagandoli direttamente al consumo. In questo modo, la gestione interna dell’ITC diventa molto più agevole e il time-to-market viene notevolmente ridotto.

Il Cloud rende l’azienda aperta e scalabile rispetto ai cambiamenti del mercato e alle future opportunità di business,elimina i costi di gestione dell’infrastruttura fisica e del personale dedicato e gli eventuali costi di interruzione delle attività di business, migliorando la disponibilità di risorse e garantendo una maggiore sostenibilità economica nel medio-lungo periodo.

 

La Cloud Automation

 

La Cloud Automation è la pratica che prevede l’utilizzo di strumenti e metodologie software specializzati, per automatizzare alcune o tutte le attività manuali associate alla gestione e al funzionamento di una infrastruttura ITC, basata su Cloud.

I software di Cloud Automation, possono essere configurati per controllare automaticamente l’installazione, la configurazione e la gestione dei sistemi di Cloud Computing, consentendo alle aziende di utilizzare al meglio le proprie risorse in Cloud.

Sempre più aziende si affidano ormai alla Nuvola per gestire servizi di rilevanza critica, pertanto il ruolo della Cloud Automation sta diventando centrale, sia per il risparmio di tempo che consente sia per l’efficacia e la precisione assoluta che assicura.

 

La Cloud Orchestration

Sebbene i provider di servizi Cloud abbiano reso sempre più facile, per le aziende, accedere on demand ai loro spazi di archiviazione per la gestione delle operazioni da remoto, solo recentemente sono stati messi a punto dei sistemi per ridurre i carichi di lavoro associati alla gestione dell’infrastruttura Cloud.

La distribuzione e il funzionamento dei carichi di lavoro nel Cloud sono stati infatti in passato un vero problema, essendo interamente gestiti in modo manuale, con grande perdita di tempo da parte dei team ITC.

Task comuni, come la configurazione delle virtual machines, dei cluster di VM, delle reti virtuali, nonché la gestione delle prestazioni e l’assegnazione delle risorse, dovevano essere eseguite una per una.

Oggi, i team ITC possono usare la Cloud Orchestration (che organizza, mette in sequenza e coordina le attività automatizzate) ed i tool di Cloud Automation, per ottimizzare l’ambiente virtuale e semplificare attività ripetitive come il provisioning di risorse virtuali, la definizione di elementi di configurazione comuni e la creazione dell’infrastruttura come codice.

Gli strumenti software di Cloud Orchestration consentono agli sviluppatori di codificare il processo di distribuzione e gestione del carico di lavoro, in modo tale che i processi di routine possano essere facilmente ripetuti nel futuro. Gli strumenti software di Cloud Automation eseguono questi passaggi codificati automaticamente, con un intervento minimo o nullo da parte degli operatori ITC.

 

Quali sono le attività (task) di Cloud Automation più comuni?

Le aziende che si affidano a un’infrastruttura ITC Cloud-based, possono automatizzare una serie di attività per abbassare i costi, ridurre gli errori ed aumentare la loro efficienza operativa. Di seguito, alcuni esempi.

  • Esecuzione di backup dei dati

Anche i dati salvati nel Cloud devono essere sottoposti a backup a intervalli regolari, per prevenirne qualsiasi perdita.

Non è raro, però, riandare queste attività considerandole una routine posticipabile, soprattutto quando si hanno altre urgenze.

Attraverso la Cloud Automation, si possono configurare i backup dei dati in modo che avvengano automaticamente durante le ore non lavorative, senza alcun intervento manuale.

 

  • Individuazione e chiusura di istanze e processi di Cloud zombie

Un processo zombie (processo defunto) è un processo informatico che, nonostante abbia terminato la propria esecuzione, possiede ancora un PID ed un Process control block, necessario per permettere al proprio processo padre di leggerne il valore di uscita. Il termine processo zombie deriva dalla definizione comune di zombie: una persona non completamente morta.

Si tratta di retaggi del tutto inutili, che vengono trasportati anche in Cloud, e devono esser eliminati. I tool di Cloud Automation consentono di individuarli e disattivarli definitivamente

 

  • Stabilire il Controllo Versione per i workflow che gestiscono dati sensibili

Dopo il GDPR, e soprattutto dopo alcuni clamorosi casi di violazione di dati in Cloud, le aziende che conservano i dati sensibili dei propri clienti/utenti, devono rispondere a requisiti di sicurezza sempre più stringenti, in particolare se risiedono nei Cloud. In questo caso è possibile impostare un controllo automatizzato sui work flow che utilizzano tali dati.

In tal modo si può avere la certezza (e si può dimostrare, a fronte di un controllo da parte delle autorità che garantiscono la privacy) che la stessa configurazione sicura è stata utilizzata ogni volta che si accede a questi particolari dati.

 

Quali sono i vantaggi della Cloud Automation?

Come abbiamo detto, il Cloud è un ecosistema ricco di strumenti, che possono essere interconnessi in infinti modi, per creare valore per l’impresa. Servizi di Intelligenza Artificiale, analisi dati da dispositivi che sfruttano l’Internet of Things, creazione di startup innovative: tutto orbita attorno alla “Nuvola”, in grado mai come negli ultimi anni di integrare e abilitare quest’offerta sempre più sofisticata di tecnologie.

Affrontare il costo e la configurazione di una piattaforma di web automation operativa in Cloud, è un effort ampiamente ripagato dai vantaggi che impostare una tale prassi di lavoro comporta.

 

  • La Cloud Automation riduce i costi

Una piattaforma di automazione dei processi riduce la quantità di lavoro pratico necessario per gestire anche le operazioni in Cloud. Non solo i processi di routine richiedono meno tempo, ma in alcuni casi possono essere impostati in modo che avvengano automaticamente. Meno processi manuali significa anche meno errori, quindi gli sviluppatori dedicheranno meno tempo alla diagnosi e al debug e più tempo alle operazioni non routinarie.

 

  • La Cloud Automation guida l’innovazione

Liberare gli sviluppatori dal seguire le operazioni routinarie e ripetitive, consente di indirizzare al meglio la loro professionalità, in particolare verso l’ideazione di soluzioni ottimizzanti ed innovative per l’azienda. Con il Cloud, il personale ITCC non deve più preoccuparsi della gestione infrastrutturale, il che alza l’asticella della competitività dell’impresa.

Articoli recenti
Scrivici
Hai bisogno di aiuto?
Ciao, come possiamo aiutarti?