In Digital Marketing

Migliora la gestione del tuo e-commerce con Semplisio e Danea  Easyfatt

.

L’e-commerce, in questo biennio 2020/21, sta conoscendo un incremento impressionante in tutto il mondo. Tale crescita vertiginosa non è solo conseguenza della prima pandemia mondiale del millennio, che ha costretto a ripensare profondamente i modelli di business a tutti i livelli, ma anche della messa a punto di strumenti di gestione del processo di e-commerce sempre più user friendly, economici e funzionali.

Inoltre, è cambiato il modo di percepire l’acquisto online: anche gli utenti più diffidenti (costretti a rivolgersi al web per spese di prima necessità, soprattutto nel 2020), sono stati tranquillizzati da strumenti come il vecchio ma sempre valido Paypal, le carte prepagate, i buoni acquisto digitale, le app di pagamento facile, l’inserimento del doppio o triplo codice per la propria carta di credito. I venditori, d’altra parte, visto l’incremento delle vendite del periodo, hanno investito in miglioramenti per il proprio e-commerce: un servizio clienti più valido, consegne più accurate, maggior assortimento etc.

 

Nuovi (e vecchi) soggetti dell’e-commerce

 

La crescita ha interessato soprattutto le piccole e piccolissime imprese, che si sono spesso dotate ex novo di e-commerce, appoggiandosi a piattaforme internazionali collaudate, come Shopify, PrestaShop o WooCommerce, oppure aprendo il proprio spazio espositivo digitale su Amazon o su eBay.
In alcuni casi si tratta di piccoli negozi che, chiusi a causa delle restrizioni necessarie per il contenimento della pandemia, hanno trasferito completamente il proprio business online.

Tuttavia, anche le grandi aziende (ad esempio brand internazionali di abbigliamento, che hanno sofferto e soffrono ancora per le chiusure forzate delle attività commerciali non indispensabili), che puntavano in massima parte sul retail, hanno deciso di potenziare i propri store online.

Per i nuovi e-commerce, è di estrema importanza la scelta del gestionale giusto, modulato ad hoc il più possibile sulle proprie esigenze.

 

La fatturazione elettronica per gli e-commerce

La fatturazione elettronica, in vigore nel nostro paese dal 1° gennaio 2019, è stata una rivoluzione totale per imprenditori, professionisti, impiegati amministrativi e tutti gli altri soggetti coinvolti, ed è stato necessario, ovviamente, che tutti questi soggetti si dotassero di software appositamente creati per la gestione di questa nuova modalità di fatturazione, al fine di adeguarsi alle direttive dell’Agenzia delle Entrate. 

Software che è stato necessario integrare con i gestionali preesistenti e le altre applicazioni usate in azienda (o dal singolo professionista con partita iva) e che funzionassero anche in cloud.

Quando si parla di e-commerce, è necessario innanzitutto fare una distinzione tra Commercio elettronico diretto e commercio elettronico indiretto.

Per commercio elettronico diretto si intende la vendita di beni e servizi come software, immagini, libri in formato digitale, musica, etc. Si fa quindi riferimento a tutti i prodotti/servizi immateriali che ai fini IVA vengono considerati come “prestazioni di servizi”.

Per commercio elettronico indiretto si intende invece la vendita tramite internet di beni fisici che sono destinati ad essere consegnati materialmente.

A queste due tipologie di commercio online, corrispondono diverse regole in tema di fatturazione elettronica.

  • Commercio elettronico diretto e fatturazione elettronica

La normativa italiana prevede che tutti i beni immateriali che fanno parte delle prestazioni di servizi siano soggetti all’obbligo di emissione di fattura, quando richiesta dal cliente. Dal 1° gennaio 2019, come abbiamo già visto, deve essere elettronica ed inviata tramite Sistema di Interscambio dell’Agenzia delle Entrate. In tutti gli altri casi l’esercente ha l’obbligo di tenere il registro dei corrispettivi.

 

  • Commercio elettronico indiretto e fatturazione elettronica

La vendita di beni fisici tramite e-commerce è esonerata dall’obbligo di emissione di fattura, a meno che non venga richiesta dal cliente oltre il momento di effettuazione dell’operazione. 

Quando l’acquirente è un imprenditore che acquista il bene in relazione alla sua attività imprenditoriale, è obbligato a richiedere l’emissione della fattura.

Anche in questo caso, quando l’e-commerce deve emettere fattura, questa, dal 1° gennaio 2019, è necessariamente elettronica e deve essere inviata per il tramite del Sistema di Interscambio dell’Agenzia delle Entrate.

Per far ciò, è necessario che nel sito web del negozio elettronico sia possibile accedere ad un’area dedicata dove il cliente possa richiedere la fattura, inserire i dati necessari per la fatturazione e successivamente scaricare la fattura.

La problematica più importante che molte aziende hanno incontrato nel corso dell’adeguamento alla nuova normativa, riguarda la compatibilità dei software di fatturazione elettronica con eventuali gestionali già in uso, e con il modulo e-commerce adottato. Non sempre il passaggio dei dati risulta automatico e non è raro avere problemi di integrazione tra i vari software.

 

La partnership con Danea Easyfatt

L’e-commerce prevede, quindi, moltissimi adempimenti pratici, che spesso richiedono una gestione molto attenta, perché i margini di errore sono alti, e mettono a rischio tutta la vendita.

A volte, le piattaforme coinvolte in questi processi, possono essere caratterizzate da forme di incompatibilità che possono pregiudicare il corretto passaggio dei dati dall’una all’altra. Non di rado, è necessario intervenire inserendo a mano i dati, per essere sicuri di evitare errori ed omissioni.

Assicurare il corretto passaggio dei dati è fondamentale per qualsiasi tipo di attività connessa con il business digitale.

Semplisio ha recentemente sviluppato, grazie all’esposizione delle API dei software coinvolti, alcuni workflow appositamente ideati per chi gestisce la propria attività attraverso il gestionale Danea Easyfatt.

 

Danea Easyfatt è un gestionale specializzato nella fatturazione: gestisce preventivi, fatture, fatture elettroniche, pro-forma, parcelle, pagamenti e magazzini, ordini cliente, DDT (documenti di trasporto), ricevute fiscali, rapporti d’intervento, avvisi di parcella e parcelle, richiamando anagrafiche, inserendo voci e gestendo aliquote IVA differenti.

Easyfatt gestisce inoltre i movimenti di magazzino (o più magazzini), la creazione e lettura di codici a barre, l’uso di lettori ottici di bar-code e di terminali laser portatili. Consente il controllo di scorte, giacenze e riordini, le gestioni taglie e colori, la tracciabilità tramite lotti e seriali, e le distinte base di produzione, anche “multilivello”.

Le funzioni specifiche di Danea Easyfatt per l’e-commerce

Danea Easyfatt ha sviluppato una serie di funzioni specifiche per la gestione degli e-commerce.

  • Aggiornamento delle schede prodotto

Utilizzando la sezione Prodotti di Easyfatt, l’utente può modificare i dati del listino (prezzi, descrizioni, disponibilità di magazzino, foto, etc.) e pubblicarli direttamente sul sito aggiornando le informazioni esistenti.

  • Ricezione ordini dal sito

Easyfatt scaricherà gli ultimi ordini ricevuti dal sito, creando o aggiornando le anagrafiche dei clienti e generando le relative conferme d’ordine da tramutare poi nel documento finale (fattura, ricevuta fiscale, vendita al banco).

  • Importazione in Easyfatt dei prodotti presenti nel sito web

L’importazione è automatica e veloce

Grazie a Semplisio è possibile inserire automazioni personalizzate nei punti focali del flusso di lavoro tra il modulo e-commerce ed Easyfatt, in relazione agli ordini, ai prodotti, al magazzino ed alle anagrafiche.

Per saperne di più, e per ricevere una demo gratuita, contattaci!

 

Recommended Posts
Scrivici
Hai bisogno di aiuto?
Ciao, come possiamo aiutarti?