In Gestione aziendale

Integrazione. Una parola così comune, eppure così difficile da districare. Un verbo che rievoca, il più delle volte, questioni politiche e scontri ideologici. L’integrazione, però, non è solo questo. E’ bene che lo sappiano gli imprenditori, soprattutto quelli interessati ad aumentare fatturato e qualità dell’offerta. Dunque tutti.

L’integrazione rappresenta oggi una nuova frontiera del marketing, un mezzo di gestione e controllo della propria attività che non fa solo da alternativa alla manodopera, ma è, fuori da ogni dubbio, il principale strumento di ottimizzazione del lavoro delle aziende.

+40 Applicazioni che potenzieranno le tue attività di lead generation

Aumenta numero e qualità dei tuoi lead scegliendo i giusti strumenti

Perché integrare

Integrare aiuta ad abbattere i costi del lavoro. Non solo quelli economici, s’intende. Se da un lato abbiamo la possibilità di generare risparmio andando a tagliare sulle spese relative alle risorse umane, dall’altro abbiamo la possibilità di automatizzare, migliorare e, di conseguenza, ottimizzare determinati processi aziendali.

E’ infatti evidente che qualsiasi umano, anche il più attento e preparato al mondo, possa essere portato inevitabilmente a compiere degli errori di distrazione, di programmazione, di battitura. Insomma, l’uomo può sbagliare. Com’è lecito. La macchina no. Com’è noto.

Dove integrare

All’eliminazione del pericolo di errore, tuttavia, non corrisponde una definitiva eliminazione della risorsa umana. E’ infatti utile ridurre gli sprechi, ove possibile, e concentrare le potenzialità e le qualità del lavoratore in quelle attività in cui esso è funzionale all’apporto di valore aggiunto.

Concentrare altrove la creatività. E’ questo il segreto. 

Di conseguenza, sarà utile automatizzare tutti quei processi standardizzati come la fatturazione, o, ad esempio, la spedizione. Un buon gestionale deve prevedere la possibilità che un cliente voglia ricevere un pacco in diversi indirizzi, e dunque è utile che all’interno del database vi sia la possibilità di associare un nominativo a più destinazioni di spedizione.

Anagrafiche dei prodotti

Non sono solo le anagrafiche dei nostri clienti a poter essere integrate con un buon software gestionale, ma anche quelle dei prodotti.

Integrare risponde a un’esigenza: conoscere. La situazione del nostro magazzino, ad esempio. Sincronizzando le giacenze abbiamo sempre sottomano lo stato del nostro magazzino: questo ci permette di avere una panoramica sempre chiara, di effettuare riordini puntuali dai fornitori, di non esagerare con l’approvvigionamento né di avere poche risorse in deposito.

I vantaggi dell’integrazione

Integrare il software gestionale con l’e-commerce equivale a sincronizzare tutte le fasi della vendita,  gestire in maniera unitaria il magazzino, ottimizzare i processi.

La soluzione integrativa migliore non è dunque quella che paghiamo di più, ma quella che meglio si addice alle attitudini della nostra attività. In questo modo avremo una gestione in tempo reale delle scorte di magazzino, potremo coordinare i canali di vendita, ottenere una riduzione degli errori e dei costi e tempi più rapidi per l’evasione degli ordini e per la logistica e-commerce.

Questo processo perfettamente automatizzato ci permette di aggiornare in tempo reale l’inventario dei diversi canali (punto vendita, e-commerce).

I vantaggi sono palesi: non si mettono in vendita prodotti esauriti, si interviene prontamente sul nuovo approvvigionamento e si evitano forniture eccessive.

Tutto sta nel saper scegliere un software gestionale o un ERP che si adatti alle peculiarità del nostro ecommerce e della nostra azienda, in generale.

I principali modelli di integrazione

Uno dei modelli di integrazione più comuni è quello della migrazione dei dati. Gli sviluppatori possono impostare i parametri di configurazione da passare alle chiamate API, in modo che la migrazione trasferisca i dati di e-commerce all’interno o all’esterno della piattaforma.

Altro modello è quello di trasmissione, che sposta i dati da un singolo sistema di origine a più sistemi di destinazione, il tutto in tempo reale. Si tratta di una sincronizzazione unidirezionale da uno a molti, che si distingue dalla tradizionale sincronizzazione 1 a 1.

Il modello di aggregazione è altrettanto valido. La sua caratteristica principale è la ricezione dei dati da più sistemi e il successivo spostamento in un sistema unico. Oltre ad essere il modo più semplice per estrarre ed elaborare dati da più sistemi, è anche un meccanismo che riesce a eliminare rischi riguardanti la duplicazione dei dati stessi.

C’è poi il modello di sincronizzazione bidirezionale, in cui i pattern di integrazione ERP uniscono più set di dati in sistemi diversi. E’ una soluzione necessaria per integrare sistemi in cui strumenti differenti si troveranno a svolgere svariate funzioni nello stesso set di dati.

Differenze tra Software gestionali ed ERP

Come analizzato in un precedente articolo del blog di Semplisio, la differenza tra un software gestionale ed un ERP può aiutarci a comprendere quale tipo di piattaforma meglio si addica alle nostre necessità aziendali. In particolare, nell’articolo del blog, si sottolineava che:

I software ERP hanno il principale obiettivo di automatizzare processi e flussi di lavoro attraverso diverse aree e funzioni aziendali, grazie ad una perfetta integrazione di dati e informazioni;

I gestionali sono invece più focalizzati sulla raccolta di dati e l’analisi dei risultati di processi o attività relativi ad una particolare area o funzione aziendale. Lo scopo primario dei gestionali è raccogliere, salvare e organizzare le informazioni affinché siano facilmente consultabili.

Semplisio - la tua sede online

La piattaforma Semplisio

Semplisio è un software di Resource planning che, nell’ambito della pianificazione delle risorse, utilizza diversi gestionali. La sua particolarità sta nel riuscire a coniugare caratteristiche del software gestionale con le peculiarità tecniche dell’ERP: grazie a Semplisio si possono integrare i diversi gestionali per pianificare le risorse d’impresa, ottenendo dunque una perfetta integrazione.

Con Semplisio puoi:

  • Connettere e integrare tutti i software aziendali
  • Automatizzare processi e attività delle diverse aree aziendali
  • Ottenere monitoraggio e reportistica delle tue attività

Quali operazioni lasciare all’attività del personale?

Non tutte le attività possono essere automatizzate, come dicevamo. Il segreto sta nel concentrare la creatività in quelle aree in cui l’apporto del lavoro umano possa rappresentare valore aggiunto.

La descrizione del prodotto può essere un esempio tangibile: quando si vende online non c’è un commesso che illustra le qualità di un determinato prodotto, che ne analizza le caratteristiche o che, diversamente, ci consiglia che acquisto fare. La cosa migliore, dunque, sarà sempre affidare al lavoro dell’uomo questo compito. Un buon comunicatore dovrà trovare le parole giuste per descrivere il prodotto senza mai dimenticare di avere dall’altra parte un interlocutore molto esigente.

In linea di massima, il consiglio definitivo è quello di circondarsi di collaboratori affidabili, seri, qualificati. Delegare è un passaggio fondamentale nel processo di gestione aziendale.

Connetti le tue piattaforme digitali e crea automazioni

Recommended Posts

Lascia un commento

Accetto la Privacy Policy * for Click to select the duration you give consent until.

Scrivici
Hai bisogno di aiuto?
Ciao, come possiamo aiutarti?