In Gestione aziendale

Una delle tue prime preoccupazioni nella gestione della tua attività è sicuramente quella relativa ai costi. Le inefficienze e le spese non necessarie oltre a far crollare la marginalità della tua impresa, potrebbero limitare drasticamente nuove possibilità e opportunità di crescita.

Un modo per aumentare i tuoi profitti e aumentare globalmente le performance della tua impresa è quindi quello di ottimizzare le risorse a disposizione e ridurre i costi aziendali relativi a processi e attività aziendali.

Come farlo?

Esiste un’ampia gamma di soluzioni. Puoi sfruttare la gestione delle relazioni con i clienti, la cosiddetta customer relationship management, che oggi compare in cima alla lista dell’agenda delle to do things di tutte le aziende; la marketing automation, strumento imprescindibile per stare in linea con le potenzialità dell’e-commerce; le data analytics, piattaforme digitali utili per la collaborazione, e molto altro ancora.

+40 Applicazioni che potenzieranno le tue attività di lead generation

Aumenta numero e qualità dei tuoi lead scegliendo i giusti strumenti

I passi da seguire per una riduzione strategica dei costi aziendali

La maggior parte delle aziende operano in settori in continua evoluzione, per cui l’imposizione di risparmi sporadici e marginali non solo non garantiscono il successo, ma rischiano di rivelarsi deleteri e dannosi per la sopravvivenza stessa dell’attività.

Come è dunque possibile individuare le aree prioritarie d’intervento, ottimizzare la gestione delle risorse e quindi ridurre realmente i costi aziendali nel lungo periodo?

Puntare sul risparmio agendo su processi lenti, estesi e non focalizzati non sarà sufficiente a mantenere la tua impresa competitiva attraverso la riduzione dei costi. Per questo motivo è necessario invece seguire una precisa strategia volta ad identificare quali risorse e processi sono prioritari per l’azienda, cercando di allinearli il più possibile ai bisogni effettivi dei clienti.

E’ consigliabile dunque operare una riduzione strategica dei costi, più ponderata e meno condizionata dall’impulso di mettere una pratica una spending review. .

In questo processo la digitalizzazione può essere un elemento chiave per tutte le imprese perché velocizza processi e allo stesso tempo offre la possibilità di fornire ai clienti soluzioni personalizzate e mirate, ma ad un costo inferiore. La digitalizzazione non è l’unica alternativa, ci sono molte opportunità per ricollocare le risorse con maggiori opportunità di rendimento.

l principale elemento di differenziazione nella riduzione dei costi strategici, infatti, non è tanto la tecnologia quanto l’ambizione strategica e la cultura di fondo dell’innovazione, e un diffuso orientamento al cliente nell’organizzazione.

Per quanto puoi impegnarti a ridurre costi operativi, il problema potrebbe essere dovuto proprio a una parte della tua offerta aziendale che non è in grado di generare una marginalità sufficiente, sia perché i tuoi clienti finali non sono disposti a pagare un prezzo più elevato, sia perché devi adeguarti alla concorrenza per non perdere clienti potenziali.

In tale situazioni le scelte sono sempre più di natura strategica, portando a cambiamenti significativi nel modello di business, tanto da arrivare alla completa automazione o addirittura all’eliminazione di determinati processi e attività.

Fare le scelte giuste e portare avanti il ​​business richiede un ripensamento della strategia, dei costi e, soprattutto, del modo in cui si allineano a quest’ultima.

Ecco quindi cinque passaggi che si concentrano sull’ottimizzazione, piuttosto che sul semplice taglio delle spese, per garantire che la tua attività possa essere competitiva e massimizzare il suo potenziale.

1 Inizia adottando una precisa strategia

Devi avere una visione chiara della tua strategia e assicurarti che sia compresa in modo coerente da tutti all’interno dell’organizzazione. Il punto di partenza è una chiara comprensione della strategia, del modello operativo e dei rendimenti corretti per sostenere l’attività aziendale.

Non è sufficiente analizzare solamente marginalità e costi su attività e processi in corso, ma, bisogna prevedere anche quanto avverrà nei prossimi anni di fronte alle nuove tecnologie, alle mutevoli aspettative dei clienti e alla concorrenza dei nuovi entranti.

È altrettanto importante mappare le relazioni tra le varie funzioni aziendali e i costi che generano. Ad esempio, i costi elevati all’interno del back office potrebbero derivare in realtà da operazioni di front office troppo complesse. Semplificare il front office non solo migliorerà l’efficienza nel back office, ma creerà un servizio più efficace e semplice per i clienti.

2 Allinea i costi alla strategia aziendale

Esamina l’intera organizzazione e differenzia i “costi buoni” dai “costi cattivi”. Cerca di identificare le capacità e risorse necessarie per raggiungere potenziali clienti e soddisfare le loro aspettative e quindi confronta ciò che hai con ciò di cui hai bisogno.

Devi indirizzare gli investimenti in azioni vincenti ed elaborare piani per ridurre al minimo i costi cattivi.

Alcuni costi possono essere eliminati del tutto, ad esempio perché i rendimenti reali sono troppo bassi e, di conseguenza, non finalizzati al completamento di processi espressamente richiesti dalla strategia aziendale. Alcune spese, invece, sono ancora necessarie per trattare aree che rendono implementabile la tua strategia. È possibile utilizzare l’analisi dei costi end-to-end per vedere quali attività vengono svolte, quale valore forniscono e come potrebbero essere modificate. Gli esempi includono l’analisi di processi manuali o ad alto costo per determinare se potrebbero essere automatizzati.

3 Punta in alto

Nella riduzione dei costi il vero punto di svolta è l’ambizione strategica di esplorare tutte le possibilità e opportunità, piuttosto che accontentarsi di guadagni marginali agendo su costi facili da identificare e gestire.

Significa avere il coraggio di ritirarsi dai mercati o razionalizzare le linee di prodotti, in modo che le risorse possano essere meglio focalizzate, riducendo le parti ridondanti dell’organizzazione e far sì che le rimanenti possano prosperare.

Significa guardare oltre ciò che è sempre stato fatto, chiedersi il perché e quali sono le alternative praticabili. Alcuni esempi potrebbero includere nuove metodologie di lavoro basate sulla Web Automation, sull’uso di tecnologie AI e nuovi strumenti digitali. Tutte queste analisi dovrebbero includere anche informazioni e dati oggettivi su ciò che i clienti apprezzano e sono disposti a pagare.

4 Stabilisci la direzione da seguire e mostra la leadership

L’ottimizzazione dei costi non deve essere percepita come un onere a carico dell’organizzazione che limita il suo potenziale, ma piuttosto come un programma di trasformazione e innovazione aziendale. La riduzione dei costi strategici non può essere avviata in modo frammentario o da persone che vi dedicano scarsa attenzione.

Deve essere gestita con un’attiva promozione, direzione e responsabilità,  come può essere un’acquisizione o un cambiamento più ampio del modello di business.

È importante garantire una governance centrale, coinvolgere la forza lavoro a tutti i livelli e sviluppare metodi per incoraggiare la partecipazione personale e la collaborazione organizzativa.

5 Diffondi la giusta cultura aziendale

Assicurati di incorporare una cultura di responsabilità e incentivare il miglioramento continuo.

Le priorità strategiche di riduzione dei costi dovrebbero essere periodicamente riviste e aggiornate allo stesso modo in cui la tua azienda valuta tutte le altre strategie e le opportunità future. Premiare e incentivare il tuo team a cercare continuamente opportunità di miglioramento permette di costruire una cultura di riduzione dei costi positiva.

Costi buoni e costi cattivi: cosa sono

Prima di introdurre qualsiasi strategia di riduzione dei costi nella tua attività, è necessario innanzitutto avere una visione chiara, distinguere i costi buoni da quelli cattivi a livello macro e micro.

I costi buoni sono quelli che supportano le capacità e processi di business per raggiungere gli obiettivi di crescita prefissati. Potrebbero essere, di conseguenza, degni di maggiori investimenti, così che nel medio-lungo termine si finisca per risparmiare di più o aumentare il rendimento.

I costi cattivi dipendono invece da sprechi e sono spesso risultato di inefficienze, che possono e devono essere ridotte. Non vanno mai sottovalutati, neanche per azioni e interventi a livello micro, come la riduzione dell’uso di energia e risorse, perché possono avere un impatto enorme sul tuo bilancio aziendale.

Questi costi non solo sono facilmente identificabili dai dipendenti, ma possono anche essere incorporati in dedicati programmi di  innovazione aziendale incrementale, in modo da identificare e affrontare sempre nuove inefficienze.

Come diminuire i costi aziendali attraverso il CRM

Il customer relationship management (CRM) si occupa della gestione delle relazioni con clienti, prospect e lead. È un software, la cui applicazione aiuta le imprese a organizzare gran parte delle attività, analizzare e ottimizzare le interazioni con i clienti e tutti i loro relativi dati.

Ad esempio, se devi stampare dei documenti e poi aggiungere dei commenti a mano il CRM può aiutarti ad ottenere invece dei dati digitali e a ridurre i costi in ufficio.

Secondo diversi studi e analisi di settore, nonostante l’ampio uso della tecnologia e applicazioni digitali, c’è ancora un alto spreco della carta che comporta perdita di tempo e di denaro. I registri cartacei sono ancora molto più che largamente utilizzati rispetto ai sistemi digitali e non tutte le aziende hanno software per gestire comunicazioni e dati relativi ai propri clienti.

Se si passa ad una gestione digitale di queste relazioni attraverso un CRM si otterrà, innanzitutto, una maggiore possibilità di chiudere opportunità di vendita, ma ne conseguiranno altri tangibili vantaggi.

Riduzione dei costi di produzione

Se sai a cosa sono interessati i tuoi clienti, indubbiamente saprai cosa dovrai fare per accontentarli e quindi individuare le attività e risorse necessarie. Un sistema CRM può darti la possibilità di comprendere in ogni momento quali prodotti sono più venduti o quali offerte della tua azienda hanno maggiore successo.

Inoltre, attraverso un CRM puoi monitorare i tuoi clienti e tracciare anche la cronologia dei loro acquisti, individuando facilmente i prodotti e servizi più venduti.

Quando sai cosa sta vendendo bene e cosa no, potrai investire risorse in maniera mirata evitando i costi. Ridurrai sensibilmente i costi di produzione della tua organizzazione e aumenterai i tuoi margini di profitto.

La condivisione delle informazioni è più semplice e sicura

Tutte le interazioni che hai con i tuoi clienti saranno archiviate in un’unica dashboard nel tuo sistema CRM, e questa è spesso accessibile ai membri del tuo team in tutti i reparti.

Non sarà più necessario correre in giro da un reparto all’altro per la ricerca di informazioni e dati.

Un sistema CRM semplifica l’accesso alle informazioni. Nonostante appunti, task assegnate, fatture e scambi di email, avrai tutte le informazioni memorizzate nel tuo CRM. Non dovrai perdere tempo con un coordinamento interdipartimentale.

La maggiore organizzazione delle informazioni non solo garantirà all’organizzazione di svolgere attività in modo più efficiente, ma le permetterà anche di rispondere a richieste e servire i clienti in modo migliore.

Connetti le tue piattaforme digitali e crea automazioni

Ridurre il costo dell’acquisizione di nuovi clienti

Acquisire nuovi clienti non è solo un processo lungo, ma anche molto costoso. Dalle campagne pubblicitarie ai budget di marketing, fino agli stipendi che dovrai garantire al tuo personale, il processo di acquisizione comporterà un investimento notevole per te e la tua aziendaMa come può un buon CRM aiutarti a diminuire questi costi??

La risposta risiede nel fatto che quando hai un sistema CRM efficace, sarai in grado di servire meglio i tuoi clienti attuali.

Quando le esperienze positive e la soddisfazione dei tuoi clienti acquisiti aumentano, inizierai a ricevere nuovi contatti attraverso i referral, il tutto gratuitamente.

Il passaparola rimane una delle forme più efficaci e validate per ottenere nuovi lead e clienti, inoltre chi si interessa alla tua attività tramite passaparola richiederà in genere meno tempo e sforzi per essere convertito in cliente.

Infine con l’aiuto di un CRM, puoi ideare campagne mirate per i tuoi clienti e lead, che potrebbero generare nuovi contatti di buona qualità. Tutto ciò contribuirà a liberare nuove risorse per l’acquisizione di nuovi clienti attraverso attività di marketing e comunicazione esterne.

Migliore servizio al cliente

Qualsiasi organizzazione degna del suo nome dovrebbe curare l’assistenza e il servizio clienti. Se ti prendi cura dei tuoi clienti, è meno probabile che ti abbandonino e quindi non dovrai dedicare tempo e risorse alla continua ricerca di nuovi.

E, per fare in modo che ciò diventi realtà, è necessario disporre di un sistema CRM e dedicare parte del tuo team al fornire un servizio tempestivo ai tuoi clienti.

Un CRM supporta il lavoro del tuo team dedicato al customer care tracciando e registrando con la massima precisione ogni richiesta, il suo stato ed eventualmente l’esito e il feedback ricevuto da parte del cliente.

Nel momento in cui un cliente chiede supporto o segnala un reclamo, può essere registrato nel sistema CRM ed essere inoltrato immediatamente alla persona interessata designata a risolvere il problema.

Ciò garantisce che i tuoi clienti rimangano soddisfatti della tua organizzazione con significativi risparmi grazie al tuo team di assistenza e supporto. E tutto questo senza creare confusione nella tua organizzazione.

Modernizzare e automatizzare il tuo funnel di vendita

Un sistema CRM automatizza il processo di vendita della tua organizzazione, dando così al tuo team di vendita l’opportunità di lavorare in modo più efficiente.

Il tuo team di vendita potrà fare praticamente tutto se userà correttamente le funzionalità del CRM: dal monitoraggio delle opportunità alla pianificazione degli appuntamenti,  dalla gestione dei follow-up dopo i primi incontri alle attività di lead nurturing automatizzate alla gestione degli ordini e preventivi finali.

Il tuo team potrà quindi chiudere le vendite e acquisire nuovi clienti in minor tempo, e il tempo addizionale guadagnato potrà essere utilizzato per avviare e chiudere nuove offerte.

Come ridurre i costi con la marketing automation

Quando si parla di growth hacking e digital marketing è fondamentale sfruttare la marketing automation e implementare una solida strategia di ottimizzazione del percorso del cliente, che consente di risparmiare tempo, denaro e acquisire rapidamente più contatti e clienti.

La marketing automation si riferisce infatti a tutte le tecnologie che consentono di automatizzare e misurare le attività di marketing, i flussi di lavoro e le strategie per attirare lead e clienti più velocemente e generare un ritorno sull’investimento più elevato (ROI).

L’automazione di attività ripetitive come l’invio di e-mail, pubblicazioni sui social media e altre azioni online permetterà al tuo team di concentrarsi su attività più importanti, risparmiando tempo e denaro.

Qui ti riportiamo nove web automation che dovresti considerare per ridurre sensibilmente i costi delle tue attività di marketing online.

Aggiornamento e pubblicazioni sui Social Media

Mantenere i canali social attivi può essere di grande aiuto per la tua azienda, a patto che gli atteggiamenti, il tone of voice e i contenuti proposti siano coerenti con la strategia aziendale e il pubblico di riferimento.

Se hai un blog e il tuo blog è connesso con HubSpot, o una piattaforma simile, allora approfitta delle loro funzioni di autopubblicazione. Questo ti permetterà di mantenere i profili aggiornati senza fare grandi sforzi. Automatizzando i tuoi sforzi sui social media potrai guadagnare diverse ore di lavoro.

Creazione e distribuzione di contenuti intelligenti

Gli utenti vogliono sempre più contenuti personalizzati, ragion per cui questi sono il modo migliore per catturare l’attenzione dei lead e mostrare precisamente loro ciò che cercano.

Nel moderno marketing online questo è un fattore chiave; una delle poche leve a disposizione per generare un reale interesse per l’offerta aziendale.

La marketing automation ti può permettere la continua creazione e veicolazione di questa tipologia di contenuti al giusto target al momento giusto. Si tratta di un’attività che, se svolta manualmente, non sarebbe di certo sostenibile o scalabile all’intero di qualsiasi impresa.

Creazione di un database di marketing centralizzato

I programmi di marketing automation raccolgono e organizzano tutti i dati di marketing, come i comportamenti e le interazioni dei clienti e lead, in modo da poter segmentare e focalizzare il messaggio giusto per ogni cliente potenziale.

Essere automaticamente in grado di tracciare i comportamenti è una capacità estremamente potente, che consente di eseguire azioni pre-delineate in base a un’attività specifica degli utenti, durante tutte le diverse fasi del processo di acquisto.

Non ti serviranno più attività manuali come invio di Newsletter oppure telefonate per far attraversare a opportunità e lead tutto il tuo funnel di vendita.

Inoltre dato che renderai il processo di vendita più efficace ed efficiente, sarai in grado di ridurre al minimo il tempo necessario per convertire un potenziale lead in cliente.

Identifica immediatamente i costi buoni del tuo marketing

La marketing automation mostra chiaramente e in maniera precisa il valore delle tue attività di marketing e il loro ritorno economico.

La scelta della giusta piattaforma di marketing automation combinata a processi intelligenti e allineamento organizzativo ti consentiranno di identificare tutte le azioni e gli investimenti che hanno portato uno o più clienti alla tua attività.

Parallelamente potrai rapidamente tagliare costi cattivi relativi ad iniziative di marketing che invece non funzionano come dovrebbero.

Lead scoring e profilazione

Lead e clienti non sono tutti uguali per la tua attività. Ad esempio alcuni clienti potrebbero nel corso della relazione con la tua impresa generare sempre più introiti, mentre altri potrebbero abbandonarti per rivolgersi a qualche concorrente.

La marketing automation può anche supportati ad identificare attraverso pianificate attività di lead scoring modelli e sistemi per assegnare automaticamente un valore ai tuoi lead e clienti.

Ciò ti consentirà di canalizzare risorse e sforzi solo sui clienti e lead che potrebbero generare maggior valore per la tua attività in base ai punteggi assegnati, limitando il più possibile attività su clienti e lead che invece mostrano uno scarso interesse o legame verso la tua offerta.

Come ridurre i costi aziendali tramite l’analisi dei dati

Tutte le imprese mirano ad ottenere vantaggi competitivi, aumentare le entrate e ridurre il più possibile i costi. L’utilizzo dei dati risulta essere una delle soluzioni migliori per raggiungere questi obiettivi congiuntamente.

Ad esempio, un software di analisi dei dati può fornirti informazioni su come ridurre il consumo di carburante e le emissioni di CO2 nel momento in cui utilizzi dei veicoli. Può anche dirti quando è il momento della manutenzione, che può ridurre anche i costi associati ai guasti. E può anche darti notizie sul comportamento dei tuoi dipendenti alla guida così da poter prendere decisioni a riguardo.

Inoltre può monitorare gli attacchi informatici. Questi ai giorni d’oggi sono frequenti e possono causare serie inefficienze al tuo sito web o software aziendali, portando ad una diminuzione della fiducia da parte dei tuoi clienti e quindi ad un calo delle entrate. Le piattaforme di analisi dei dati per la sicurezza informatica possono controllare continuamente il traffico di rete e fornirti notifiche di comportamenti sospetti che potrebbero indicare tentativi di violazione. Molte offerte hanno anche componenti basate sull’AI.

Analisi dati e selezione di nuovo personale

I costi del personale per qualsiasi azienda aumentano nel momento in cui si inseriscono nuovi impiegati. Questi costi possono aumentare se i dipendenti risultano inadeguati per l’azienda e vanno via subito dopo l’assunzione. Quindi sempre più imprese sfruttano l’analisi dei dati prima di assumere candidati, perché forniscono loro tutte le informazioni di cui hanno bisogno.

I big data possono tenere sotto controllo i comportamenti e le tendenze di ognuno, così da poter indicare se una persona è più adatta per un ruolo oppure un altro. Pertanto, l’utilizzo dell’analisi dei dati in questi modi ti potrebbe evitare i costi associati alla formazione di nuovi dipendenti.

L’analisi dei dati per ridurre i costi indiretti

I costi indiretti, come si può facilmente intuire, sono quei fattori produttivi che vengono utilizzati simultaneamente per più progetti e che non hanno quindi un legame diretto con la produzione.

Ad esempio, i costi di gestione e amministrazione, le apparecchiature condivise utilizzate da più reparti, i canoni di locazione e così via… possono essere considerati come costi indiretti.

Sono tutti costi indispensabili per il funzionamento dell’impresa ma non dipendono da un progetto specifico. Per questo motivo, i costi indiretti pesano allo stesso modo su tutte le attività aziendali e possono riguardare:

  • Il costo del personale che supervisiona i progetti (ad esempio il project manager);
  • Gli affitti degli uffici in cui opera la società;
  • Costi di utenza (elettricità, acqua, telefono, internet, riscaldamento);
  • Costi amministrativi;
  • Costi dell’apparecchiatura condivisi da più progetti.

Dato che impattano tutti i processi aziendali la riduzione di questi potrebbe far risparmiare in modo sensibile le aziende.

Non è però possibile decidere di iniziare a ridurre i costi indiretti senza conoscere l’importo medio che richiedono ogni mese e soprattutto quale impatto tale azioni possono avere sull’insieme dei processi aziendali.

Qui interviene l’analisi dei dati, che supporta le aziende fornendo un chiaro panorama di quali sono le spese indirette più rilevanti. Quindi, i manager possono iniziare a capire dove apportare miglioramenti.

L’analisi dei dati per test di mercato e customer care

Le aziende spesso effettuano test associati a segmenti dei loro mercati di destinazione prima di lanciare nuovi prodotti o aggiornare i loro siti web. Questi test aiutano a prevedere e, quindi, limitare problematiche che potrebbero verificarsi quando le aziende non comprendono perfettamente esigenze e necessità dei loro target. L’utilizzo di piattaforme di Analytics rendono i test meno dispendiosi in termini di tempo e quindi anche meno costosi.

Infine, sia per migliorare la qualità di futuri test e migliorare l’offerta aziendale, non devi trascurare i reclami che i tuoi clienti fanno, perché i reclami irrisolti li rendono più frustrati con un conseguente aumento dei costi per risolvere i loro problemi.

L’esperienza mostra inoltre come i clienti scontenti tendono a cambiare fornitore.

Catalogare, analizzare i diversi reclami ricevuti tramite specifici software per l’analisi dei dati può, inoltre, aiutare a profilare gli attuali clienti, identificare e limitare le cause che hanno generato i reclami e conseguentemente migliorare nel tempo l’offerta aziendale.

Ridurre i costi e aumentare l’efficienza della supply chain attraverso l’analisi dei dati

L’utilizzo appropriato dei dati può creare un potente vantaggio competitivo nelle organizzazioni migliorando la supply chain.

Ad esempio, la logistica e la produzione possono essere rallentate o danneggiate a causa di ritardi nelle spedizioni, scarsa pianificazione delle scorte e aumento dei costi.

Sfruttando la disponibilità di dati in tempo reale le imprese possono monitorare più facilmente attività, costi e le tendenze correnti, riducendo l’insorgere di problemi e consentendo un migliore pianificazione futura.

L’accesso alle informazioni in tempo reale, al contrario di quelle storiche, è cruciale.

All’interno della supply chain consente di impostare parametri di trasporto, ottimizzare i percorsi, pianificare i carichi e, a sua volta, trovare nuove opportunità per ridurre i costi. I dati raccolti possono dare ai manager un punto di riferimento centrale per prendere decisioni ben informate, che possono portare a una catena di approvvigionamento più economica.

Come muoversi?

Alcune aziende hanno ancora difficoltà a raccogliere i dati. Quelle più grandi possono permettersi di focalizzare le loro energie sull’acquisizione e l’interpretazione di grandi moli di dati. Le aziende di minori dimensioni, invece, non hanno abbastanza capitale da poter investire in tali attività.

Quindi, se hai una piccola impresa come puoi stare al passo con le grandi corporate?

La risposta è quella di collaborare con una società di logistica di terze parti che può raccogliere le informazioni, in modo che tu possa continuare a concentrarti sulla tua attività.

Assicurati che il partner selezionato abbia la tecnologia più aggiornata, questo è fondamentale per il tuo successo. Ad esempio, è importante disporre di accesso Web alle merci e strumenti per la creazione di report: i report forniscono informazioni per analizzare meglio la scelta del corriere e i fornitori da utilizzare per garantire la soddisfazione del cliente.

La tecnologia può supportarti nell’ottenere e gestire dati in tempo reale.

Con il monitoraggio in tempo reale, ad esempio, un acquirente non solo può sapere quali sono le materie prime in transito, ma anche se sarà necessario acquistarne altre per soddisfare una nuova vendita. Con l’accesso a questo tipo di tecnologia, la tua organizzazione potrebbe ridurre i costi e attivare processi di miglioramento su ogni aspetto della catena di approvvigionamento.

Integrità del dato e sicurezza per la supply chain

L’integrità dei dati è uno dei maggiori ostacoli che le aziende devono affrontare. Assicurati che ognuno di essi sia accurato e aggiornato, altrimenti si può inficiare il corretto funzionamento della supply chain.

Dati errati possono creare numerosi problemi: i due principali sono la pianificazione delle attività e garantire la soddisfazione del cliente finale.

Ad esempio, disporre di dati di inventario dei prodotti o tempi di lavorazione non adeguati potrebbe rendere tutto più difficile. Potrebbe, addirittura, forzare la necessità di trasporti rapidi ad un costo molto più alto. Le consegne in ritardo possono creare clienti insoddisfatti e, se questa mancanza di dati passa inosservata, può aumentare i costi e ridurre la marginalità del tuo business.

A prescindere dalla soluzione adottata nella tua organizzazione è quindi fondamentale avere a disposizione dati univoci, rilevanti, ben organizzati e facilmente accessibili

Una cosa che non bisogna mai trascurare è inoltre la sicurezza del dato. Spesso ti troverai a gestire e lavorare con dei dati sensibili che contengono informazioni sui tuoi venditori, clienti, operatori, prezzi…

È quindi fondamentale assicurarsi che nessuno li condivida senza la tua autorizzazione.

Quando scegli una qualsiasi piattaforma per la gestione di tali dati dovresti sapere esattamente quali sono i piani di backup, da chi e come vengono memorizzare le informazioni, chi è il proprietario di queste. Sono tutte domande essenziali prima di pianificare attività e processi.

In definitiva i dati stanno diventando sempre più la chiave per una supply chain efficiente e per una riduzione generale dei costi.

Altre pratiche e rapide soluzioni per ridurre i costi aziendali

Come abbiamo visto ci sono diversi metodi per ridurre le spese a livello macro, agendo su aspetti strategici riguardanti i processi aziendali. Ci sono però anche altre rapide e pratiche soluzioni che si possono adottare per cercare di ridurre il più possibile i costi aziendali. Le principali sono:

  • Esternalizzare i processi di contabilità all’esterno. Ti costerà di meno e ti permetterà di concentrarti sui processi chiave della tua attività. La contabilità è una parte importante, ma, può essere stancante per i tuoi dipendenti oltre che dannosa, in caso di errori. Si può quindi evitare il tutto con l’outsourcing.
  • Non acquistare surplus o extra. Non sempre è un ottimo affare comprare merce in più. Analizza il tuo mercato, valuta lo spazio pubblicitario e poi decidi come gestire il tuo inventario.
  • Sfruttare maggiormente il web marketing. Invece di spendere soldi per fare cartelloni pubblicitari, utilizza i motori di ricerca per generare traffico sul tuo sito web. I social media possono introdurti a una clientela più ampia e sono molto più economici.
  • Assumere stagisti e freelance. Molti neolaureati farebbero di tutto pur di fare un’esperienza all’interno di un’azienda. Tramite uno stage puoi quindi formarli senza spendere troppo denaro. Allo stesso modo i freelance sono professionisti che, pur lavorando da casa, offrono un lavoro di alta qualità a costi inferiori rispetto ad un dipendente assunto a tempo pieno.
  • Permettere ai dipendenti di lavorare da remoto e utilizzare piattaforme digitali. Lascia ai tuoi dipendenti la possibilità di lavorare da remoto, così da poter risparmiare soldi, e trova online delle applicazioni affidabili per coordinare e gestire tutto il lavoro.
  • Concentrarsi sulla qualità del prodotto. Per risparmiare non sacrificare mai la qualità della tua offerta. La qualità vende sempre, quindi, cerca di migliorarla. Maggiore è la qualità e più dimostrerai che ciò di cui disponi è di un livello superiore ai concorrenti, attirando più clienti e aumentando le entrate.

Ridurre i costi aziendali è una sfida che affrontano tutte le aziende sia grandi, sia piccole.

Grazie all’elevata digitalizzazione e nuove piattaforme digitali per la gestione e il coordinamento dei processi aziendali, l’implementazione di nuove strategie per ridurre i costi aziendali è sempre più facile per le piccole imprese, inoltre gli effetti si vedono molto più velocemente.

Scopri come potenziare il tuo CRM aziendale con attività di marketing automation

Una guida pratica per aumentare le performance della tua impresa o attività

Recommended Posts

Lascia un commento